Aggiornamento: nuovo racconto “Corpo di donna”

Donna assorta nei suoi pensieri traumatici

Ho appena aggiunto un nuovo racconto intitolato “Corpo di donna”. E’ una storia scabrosa, con forti tinte psicologiche e incentrata sul trauma che una ragazza rivive durante l’attesa in una sala del pronto soccorso. Doloroso e introspettivo, ma anche terribilmente realistico.

Corpo di donna

Scopri la storia toccante di una ragazza in crisi, mentre rivive il suo incubo nella sala di un pronto soccorso. Un racconto verista che unisce psicologia e cruda realtà.


Breve nota contestuale

Il dramma della violenza subita dalle donne svela una realtà inquietante della prevalenza di stupri e violenza contro le donne a livello globale. Al di là delle cicatrici fisiche, l’impatto psicologico di tali esperienze traumatiche è profondo e duraturo. Le vittime spesso lottano con sentimenti di paura, vergogna, senso di colpa e impotenza, che portano a condizioni come il disturbo da stress post-traumatico, ansia e depressione.

Gli aspetti psicologici di questi crimini approfondiscono le motivazioni degli autori e i fattori sociali che contribuiscono a tali atti. I perpetratori spesso utilizzano la violenza come mezzo per esercitare potere e controllo sulle donne, riflettendo problemi profondamente radicati di misoginia e patriarcato. La normalizzazione della violenza in alcune culture perpetua ulteriormente questo ciclo, rendendo difficile per i sopravvissuti cercare aiuto e liberarsi dal trauma.

Affrontare l’impatto psicologico degli stupri e della violenza contro le donne richiede un approccio globale che includa cure informate sul trauma, servizi di supporto per la salute mentale e sforzi per sfidare convinzioni e comportamenti radicati che perpetuano la violenza di genere. Solo attraverso l’azione collettiva e il sostegno possiamo lottare per una società in cui le donne siano sicure, rispettate e responsabilizzate.


Share this post on:
FacebookTwitterPinterestEmail

Articoli correlati

  • Tra le scoscese scalinate del Pão de Açúcar, Rio de Janeiro La mulattiera è afosa, stinta di sabbia avana. «Dice di voler vivere in Australia». Mentre scende le scale (di nascosto) le scatto una foto:…

  • Devo ammetterlo: amo i miei vizi. Anzi, dirò molto di più: sono pronto a rinunciare ad uno di essi solo per abbracciare un nuovo vizio! Per carità, capisco pure che la scelta è molto spesso…

  • Versione PDF stampabile Parte I Perché è così comune pensare che le brutte notizie si accordino meglio con le brutte giornate? Fausto Marinelli ricevette la più sgradevole notizia della sua vita durante un’afosa mattinata di…

Subscribe to the weekly newsletter!

You will only be updated about new content. No spam, no adv!