Quando un Commodore 64 era uno strumento da maghi!

Descrivi un oggetto a cui eri incredibilmente legato da giovane. Che fine ha fatto?

Ero un ragazzino, di circa nove anni, quando ho iniziato a sentire parlare di strumenti “magici” chiamati computer. Come altri compagni di scuola, ho iniziato a chiederlo, ma non era un regalo economico e avevo bisogno di buone ragioni per convincere i miei genitori.

Fortunatamente, poco prima del Carnevale, ho avuto l’influenza e ho perso l’opportunità di partecipare a un breve viaggio in una città con una festa speciale con molte persone mascherate, carri allegorici, balli e così via.

Ero così triste, ma ho subito colto l’occasione e ho chiesto un computer. Mio padre, un po’ riluttante, disse infine di sì e il mio sogno ebbe inizio.

Alcune persone hanno suggerito diverse marche, ma io sapevo che l’unico computer autentico e supremo era solo uno: il fantastico Commodore 64!

Dopo qualche settimana, sono riuscito ad averne uno con un lettore di cassette e un joystick molto semplice. Ricordo ancora quel giorno dopo circa 35 anni.

Ero così entusiasta che iniziai a leggere il manuale di istruzioni, che spiegava il linguaggio BASIC, e dopo un paio di giorni, scrissi un semplice programma per eseguire alcuni calcoli e lo mostrai ai miei genitori.

Quello è stato l’inizio di una lunghissima esperienza di programmazione, ma ad essere onesti, è stato un crescendo solo quando sono passato ad un Amiga 500. In seguito, la magia di tale attività esoterica iniziò a svanire. Grazie a Bill Gates e al suo piano di inserire un PC in ogni casa, tutto è diventato più semplice e sempre più persone profane hanno iniziato a usare i computer.

È stato un peccato quando molti impiegati hanno ricevuto i loro terminali e hanno iniziato a considerarsi esperti di tecnologia. So quanto sia stato difficile il percorso di apprendimento quando non erano disponibili interfacce grafiche. Quando ogni errore nel codice (scrivevo in Assembly) mandava in crash il sistema operativo e si doveva attendere un altro lentissimo riavvio (con floppy disk).

Probabilmente avrò bisogno di molto tempo per scrivere tutto ciò che riguarda l’inizio della mia prima passione. Per questo motivo, preferisco saltarlo perché la fine è abbastanza evidente. Quando l’informatica è diventata così popolare, scrivere un programma non era più un lavoro “artistico”.

Anche se ho continuato ad amare lo sviluppo di nuove tecnologie, il mio interesse si è affievolito, lasciando spazio a una noia crescente. Questa è probabilmente la fine della storia e la risposta alla seconda domanda.

Penso che tutti gli sviluppi attuali siano risultati straordinari che hanno portato l’umanità a un altro concetto di vita. Sono grato a tutti gli ingegneri che hanno dedicato il loro tempo a rendere possibile e facilmente accessibile la tecnologia di oggi.

Tuttavia, un Commodore 64 era uno strumento per maghi, e se lei era un “esperto”, tutti la guardavano con ammirazione. Al giorno d’oggi, un notebook molto più potente e capace è solo una merce che si può acquistare ovunque e iniziare a usare in poche ore.

Mi dispiace, ma ero molto più felice con il mio Commodore 64 con soli 32 KB di RAM libera. Ora è il momento di iniziare a cercare altre attività “magiche”: proprio quello che sto facendo quotidianamente.

Addio, grosso, lento e sublime Commodore 64!


 

Condividi questa pagina: