Terminal dei traghetti di Tanah Merah: destinazione Bintan!

Ripensi al suo viaggio in auto più memorabile.

Bintan, Indonesia. Il mio viaggio di lavoro più eccitante!Circa 15 anni fa, ho lavorato in una grande azienda farmaceutica a Roma. È stato un periodo professionale affascinante della mia vita, con molte attività e responsabilità. Avevo un ruolo manageriale e sufficiente libertà per organizzare il mio tempo, i viaggi, le visite ai clienti, ecc.

Purtroppo, nello stesso periodo, ho avuto alcuni problemi personali. Non era nulla di grave, ma il risultato è stato come vivere nella vita del Dr. Jekyll e di Mr. Il mio umore era constantemente influenzato negativamente da una cotta che non si stava evolvendo come volevo, e non potevo considerarmi completamente realizzato personalmente e professionalmente.

Naturalmente, non potevo dimenticare le mie illusioni mentre ero al lavoro, ma stranamente riuscivo a evitare i conflitti o gli impatti negativi. In passato, situazioni simili erano state molto più fastidiose, perché non riuscivo a smettere di pensare e a concentrarmi sul mio lavoro. Ma, in quel caso, forse perché ero abbastanza soddisfatto del mio ruolo, tutto è andato relativamente bene.

Poiché facevo parte di un team internazionale e incontravo periodicamente i miei colleghi in diverse città, in quel periodo, aspettavo con trepidazione la comunicazione della prossima destinazione.

Sono rimasta sorpreso quando ho letto l’e-mail e ho scoperto che erano state unite due riunioni. C’era anche una riunione più estesa a Singapore, e il nostro capo americano decise di organizzare la nostra riunione ristretta qualche giorno prima in una località vicina.

Non avevo idea del luogo: Bintan, Indonesia. Tuttavia, vidi le foto del luogo, che era un tipico resort tropicale, e chiamai immediatamente l’agenzia di viaggi per prenotare i miei biglietti.

Ricordo ancora il momento in cui sono salito a bordo del Boing 747 a Roma. È stato come passare attraverso un cancello magico. Ho dimenticato subito tutto e ho iniziato a pensare al viaggio.

Una volta a Singapore, ho preso un taxi per il terminal dei traghetti di Tanah Merah e, in circa un’ora di prima classe, sono arrivato su quest’isola verde con una temperatura di almeno 38 gradi (ho lasciato Roma a febbraio con un massimo di 10 gradi).

Era stato organizzato un servizio di benvenuto, e sono stata accompagnato al resort con una collana di fiori al collo e un ragazzo locale sorridente che mi ha spiegato tutti i vantaggi inclusi nella mia prenotazione.

Il giorno dopo è stato il primo giorno di riunione e la prima cosa che ho fatto è stata addormentarmi a causa del jetlag. Nel pomeriggio, ho passeggiato, visitando un piccolo zoo, una fantastica piscina e un punto in cui era possibile vedere la spiaggia e un mare piatto come se fosse dipinto.

Ho dimenticato tutti i miei problemi e ho iniziato a pensare a ciò che dovevo discutere durante la riunione. La sera, sono arrivate altre persone: il mio capo con il suo manager e un paio di miei colleghi.

Abbiamo discusso in modo rilassante sorseggiando alcuni cocktail e, alla fine, siamo andati a letto dopo aver fissato l’ora di inizio per la mattina successiva.

Succo di noce di cocco. Un rinfresco dopo un viaggio nella foresta tropicale!Il giorno successivo, l’intero team era riunito nella sala, e il mio capo è arrivato in pantaloncini e senza borsa o computer portatile. Tutti la guardammo, aspettando di sapere dove fosse la sala riunioni, ma lei sorrise e disse: “Non c’è nessuna riunione, siete stati fantastici nell’ultimo anno e questo è un premio!“.

Non potevo crederci! Avevamo un pacchetto completo con tutti i benefit e alcune visite guidate in una foresta e in un tipico villaggio indonesiano.

Ovviamente, non posso scrivere tutto quello che è successo, ma è sufficiente dire che ero così felice e lontano dalla mia routine quotidiana che mi sono goduto ogni momento del soggiorno e ho dimenticato le mie illusioni.

Ricordo ancora quel viaggio come il mio migliore. Non perché non abbia visitato altri luoghi bellissimi, ma piuttosto perché è stato come un processo catartico, una trasformazione interiore che ha avuto un impatto sulla mia psiche più di qualsiasi altra cosa.

Non ci sono più tornato e ora non so se funzionerebbe come la prima volta. Tuttavia, questo ricordo vive in me e ho imparato che è possibile sfuggire a qualsiasi trappola mentale. Non necessariamente con un viaggio, ma è possibile e gli effetti possono essere più portentosi del previsto.


 

Condividi questa pagina: