Un uomo solitario

Può condividere un esempio positivo in cui si è sentito amato?

Un uomo solitario che cammina lungo una strada

Mi sento in difficoltà nel cercare di rispondere a questa domanda. Il motivo è semplice: non mi vergogno di dire che, a parte mia madre, non mi sono mai sentito amato da nessuno. Pensate che sia triste? Beh, forse. Ma non è un problema per me. Come la canzone di Neil Diamond, sono un uomo solitario che può trascorrere lunghi periodi da solo. Durante il lockdown per il Covid, come molte altre persone, sono rimasto da solo in un piccolo appartamento a Berlino. A volte era noioso, ma non mi sono mai sentito depresso perché, per esempio, non potevo incontrare i miei amici.

Inoltre, i miei rapporti con le donne sono sempre stati problematici. Amo la mia libertà più di ogni altra cosa e, allo stesso tempo, vorrei avere una donna con la mia stessa mentalità. Pertanto, tendo a proiettare me stesso sul mio partner, con il risultato di un completo disadattamento. Questo mi fa arrabbiare di più, provando nostalgia per la libertà perduta.

Ecco perché continuo a dire che sono nato solitario. Una vita diversa potrebbe aver cambiato i miei comportamenti, ma questa è una discussione senza senso, poiché è un’ipotesi impossibile da verificare. Tuttavia, c’è stato un momento e un luogo in cui mi sono sentito amato. Il luogo è sempre Berlino, ma preferisco non rivelare troppi dettagli. Non c’è nulla di segreto o di strano. Si tratta semplicemente di una breve parte della mia vita in cui ho potuto capire che nessun altro poteva fare le stesse cose per aiutarmi a superare un momento di stallo.

Grazie all’aiuto ricevuto, ho potuto lasciare rapidamente Berlino dopo sei anni che considero parzialmente sprecati. Ho ritrovato me stesso subito dopo essere tornato nella mia città natale e ho immediatamente iniziato a costruire una nuova vita. Dopo un lungo periodo di oscurità, ho rivisto la luce, grazie a un puro atto d’amore.

Se ci penso, comincio ancora a sentirmi in ansia per i miei ultimi quattro anni a Berlino. Anche se ho raggiunto un apice nella mia carriera, sono stato pagato per dare in cambio la mia salute. Non posso dimenticare i giorni trascorsi in riunioni il cui unico scopo era quello di fare discussioni senza senso. Una cosa che odio e che mi stressa enormemente.

Sono molto pragmatico e tutto ciò che si basa solo su discussioni inutili, in ambienti in cui tutti devono parlare solo per espirare aria senza alcun valore tangibile (e pratico), mi fa impazzire. Non riesco a resistere. È troppo per il mio carattere. Ho raggiunto la cima della collina, sentendomi a terra e vicino al burnout. Avevo bisogno di un aiuto per rimettermi in piedi. Per farmi capire che stavo distruggendo il mio potenziale solo per far crescere piantagioni di vera frustrazione.

Posso dire sinceramente che a Berlino mi sono sentito amato. Forse è stata la prima volta che me ne sono reso conto. Tuttavia, l’ho apprezzato molto e sarò per sempre grato per quello che ho ricevuto.

Considerando tutti gli altri aspetti della mia vita, sono convinto che resterò un uomo solitario, felice di poter camminare con le proprie gambe. Per quanto riguarda il mio futuro, citerò ciò che disse una volta Andrés Segovia: “... il resto è nelle misteriose stelle del mio firmamento“.

La canzone di Niel Diamond è ora obbligatoria!


YouTube player

Se ti piace l’articolo, puoi sempre fare una donazione per supportare la mia attività. Basta un caffè!


 

Share this post on:
FacebookTwitterPinterestEmail

Articoli correlati

  • Qual è la sua missione? Adoro l'idea di una missione e, correndo il rischio di sembrare troppo ambiziosa, direi che ho stabilito diverse missioni da realizzare nel corso della mia vita. Qualsiasi cosa facessi aveva…

  • Passa più tempo a pensare al futuro o al passato? Perché? Passo molto più tempo a pensare al futuro. Naturalmente, questo non significa che il mio passato non abbia un impatto sulla mia vita. È…

  • Giochi nella tua vita quotidiana? Cosa ti dicono le parole "tempo di gioco"? Devo ammettere, anche se restio, che non gioco mai. Non sono una persona presa solo dagli impegni "seri", anzi, mi giudico il…