Immagini disperse come granelli di sabbia

Immagini disperse come granelli di sabbia

Davanti agli occhi
immagini disperse come granelli di sabbia,
ricordi sbriciolati,
nature morte e primi piani,
rottami disfatti e mani di bambola,
intatte.

Dalla Luna paiono artigli rocciosi,
da vicino scivolano sopiti,
come acqua settembrina
sui vetusti scogli ancora caldi.

E poi una voce lontana,
sepolta tra i gorgheggi della corrente,
uno schiamazzo sommesso,
la samba triste che armonizza il vuoto:
un ensemble diroccato
tra maestose fortezze di tristissima sabbia.

Ed un cammeo,
la mano bianca che m’accarezza.
I monti ammorbiditi,
lo strapiombo verso il centro della mia fronte.
Un calore s’avvicina,
come un Sole in un parco giochi;
e il neon sfrigola,
silenzioso,
mentre l’ultima zanzara spira
e il mondo intero osserva immoto,
tra due infinitesimi d’istante,
la nascita del tempo
e della pura,
incontrastata
nostalgia.

E poi una voce lontana,
dal fondo d’un bicchiere,
dal regno delle fate,
mi saluta,
mentre navigo ormai
verso il Sole
disceso nell’immortalità.

Tu
non
sei.


Depositata per la tutela legale presso Patamu: certificato


Breve nota sulla nostalgia in ambito poetico

La nostalgia gioca un ruolo significativo nella poesia, spesso servendo come potente strumento per evocare emozioni e connettere i lettori con il passato. Poeti come William Wordsworth (1770 – 1850) e John Keats (1795 – 1821) hanno usato magistralmente la nostalgia nelle loro opere per creare un senso di desiderio e reminiscenza. La poesia di Wordsworth “Tintern Abbey” cattura magnificamente le riflessioni nostalgiche del poeta sul passare del tempo e sulla bellezza della natura. Keats, nel suo “Inno all’usignolo”, approfondisce i temi della transitorietà e della natura fugace della gioia, evocando un senso di nostalgia agrodolce.

Lapide del poeta John Keats a Roma. Le sue poesia richiamano spesso immagini di nostalgia e di amori passati.
Lapide del poeta inglese John Keats presso il Cimitero Acattolico di Roma. I versi di Keats fanno spesso riferimento alla nostalgia e al ricordo di amori passati.

La nostalgia nella poesia può trasportare i lettori in tempi e luoghi diversi, permettendo loro di provare emozioni e ricordi associati al passato. Serve da ponte tra le esperienze personali del poeta e l’esperienza umana universale, creando una qualità senza tempo all’opera. Attingendo alla nostalgia, i poeti possono evocare una serie di emozioni nei loro lettori, facendo risuonare le loro poesie a un livello più profondo.


Se ti piace la poesia, puoi sempre fare una donazione per supportare la mia attività. Basta un caffè!


Share this post on:
FacebookTwitterPinterestEmail