Mendicanti dello spirito alla mia porta

Persone che manifestano a supporto della religione: mendicanti dello spirito

« …E incominciai a predicare agli uomini
la bellezza della religione e della Gnosi:
“O popoli, uomini nati dalla terra, ingolfati
nell’ubriachezza, nel sonno e nell’ignoranza
di Dio, siate sobri, cessate le crapule
e svegliatevi dal sonno irragionevole!”… »

(Ermete Trismegisto, Pimandro)

Mendicanti dello spirito alla mia porta.
Una folla.
Moltitudine di nulla
moltiplicata per poveracci
travestiti da illuminati.

Mendicanti della notte alla mia porta.
Una folla di cadaveri.
Una processione d’anime col cappio ad collo.
Immense distese di vacuità
marchiate come bestie
all’ombra d’un vecchio altare.

Tra di essi uno sguardo che fu mio.
Sperduto,
spento,
quasi al punto di darsi al fuoco,
all’estrema liberazione,
che, tra note, postille e varie,
promette oblio al costo d’un centesimo.
Un nulla per…
…un nulla.

Non chiedete se sia con me,
vi prego,
non chiedetelo…

Lei è tra le idee,
vive d’illusioni
e così s’eterna,
in una giostra di santi e dei,
in un susseguirsi senza posa
di beati e di dannati,
entrambi uguali
entrambi appagati
dal chiarore dell’estate.

Perché entrambi videro le stelle
ed entrambi,
mai paghi,
copularono con l’assoluto
e furono,
da quel momento innanzi,
figli dell’eterno
dispiegato sull’eterno.

Il tuo sorriso
vive
oltre il ripiegarsi della notte.

Oltre.


Depositata per la tutela legale presso Patamu: certificato


Breve nota sulle indagini nel campo dello spirito

Nel corso della storia, diversi pensatori si sono avvicinati alla ricerca della vera spiritualità con prospettive e metodologie diverse. Dagli antichi filosofi come Platone e Aristotele agli studiosi moderni come Carl Gustav Jung e Joseph Campbell, il concetto di spiritualità è stato esplorato attraverso diverse lenti.

Platone, ad esempio, credeva nell’esistenza di un regno superiore di forme perfette, dove la verità spirituale poteva essere trovata attraverso la contemplazione e l’indagine intellettuale. Aristotele, d’altro canto, sottolineava l’importanza della vita virtuosa e del comportamento etico come percorsi verso la realizzazione spirituale.

Ritratto di Carl Gustav Jung, lo psicologo che più di tutti si è interessato ai problemi dello spirito
Ritratto di Carl Gustav Jung, lo psicologo che più di tutti si è interessato ai problemi dello spirito con una visione scientifica. Egli, pur rimanendo ancorato al metodo di ricerca medico-psichiatrica più rigoroso, ha analizzato l’origine delle “creature” dell’inconscio, trovando tracce negli antichi culti e nella mitologia.

In tempi più recenti, Jung e Campbell hanno approfondito i regni della mitologia e dell’inconscio collettivo per scoprire verità universali sull’esperienza umana e sulla natura della spiritualità. Hanno sottolineato l’importanza dell’esplorazione interiore e della crescita personale come componenti chiave dello sviluppo spirituale.

Esaminando queste diverse prospettive, possiamo acquisire una comprensione più ricca dei diversi modi in cui la vera spiritualità è stata concettualizzata e ricercata nel corso della storia.


Se ti piace la poesia, puoi sempre fare una donazione per supportare la mia attività. Basta un caffè!


Share this post on:
FacebookTwitterPinterestEmail