Troppo tardi mi dissero di te

Troppo tardi mi dissero di te: mentre già svanivi, io mi rendevo conto della tua presenza fuggente.

Troppo tardi mi dissero di te:
come l’orma d’un ritratto antico,
d’improvviso,
svaporasti al vento.

Intatta nel gelare della notte,
come ostinata condensa
dormi adesso,
inebriata solo di te stessa.

Vive la tua essenza,
(come un guscio di madreperla),
sin che il Sole non sorge,
su un vetro pallido d’inverno.

E io, come un bambino,
traccio una piccola casa,
su ciò che resta
di te.


Depositata per la tutela legale presso Patamu: certificato


Video


“Troppo tardi”: come la nostalgia guida l’opera creativa

La nostalgia evocata dai ricordi e dalle esperienze passate può influenzare notevolmente la creazione artistica, in particolare nel regno della poesia. I poeti spesso attingono ai loro sentimenti di nostalgia per infondere nelle loro opere un senso di desiderio, malinconia o ricordo agrodolce. Un esempio notevole è la famosa poesia “Ode to a Nightingale” di John Keats, in cui il poeta riflette sulla caducità della vita e desidera un senso di fuga e immortalità attraverso la bellezza della natura. Il desiderio di Keats per un passato che non potrà mai essere recuperato aggiunge una profondità toccante ai suoi versi.

La nostalgia, il ripetersi "è troppo tardi", sono sentimenti che animano spesso la creazione poetica.
La nostalgia, il ripetersi “è troppo tardi”, sono sentimenti che animano spesso la creazione artistica e poetica. Tra le pieghe dei ricordi, spesso alterati dalla memoria, si nascondono spunti di riflessione che possono dar vita a opere creative uniche.

Allo stesso modo, le opere di Pablo Neruda, come “Venti poesie d’amore e una canzone disperata”, sono intrise di un senso di nostalgia per l’amore perduto e per il passare del tempo. Le immagini evocative e il linguaggio emotivo di Neruda catturano l’essenza del desiderio e della malinconia, risuonando con i lettori a un livello profondamente emotivo. In sostanza, la nostalgia funge da potente musa ispiratrice per i poeti, ispirandoli a creare opere d’arte che parlano ai temi universali della memoria, della perdita e dell’esperienza umana.


Se ti piace la poesia, puoi sempre fare una donazione per supportare la mia attività. Basta un caffè! E non dimenticarti di iscriverti alla mia newsletter settimanale!


Share this post on:
FacebookTwitterPinterestEmail