È così familiare essere santo!

Scrivi del tuo nome di battesimo: il suo significato, l’importanza, l’etimologia, ecc.

foto in scala di grigi di un bicchiere trasparente sul tavoloIl mio nome di battesimo è “Giuseppe” (in inglese, è “Joseph”). È un nome relativamente comune in Italia, soprattutto nelle regioni meridionali.

Deriva dall’ebraico יוֹסֵף, che significa “Che Dio aiuti ad aumentare…” il benessere, il numero di figli, la ricchezza, ecc. Se un ebreo legge questo post, può gentilmente aggiungere i suoi commenti da esperto. Io so solo che la radice (da destra a sinistra) che inizia con la lettera “Yod” è un modo per indicare Dio in modo pronunciabile.

Questo era il nome del padre putativo di Gesù; pertanto, è comune nei Paesi cristiani (ad esempio, “José” in Spagna o “Josef” in Germania), ma ho anche incontrato persone provenienti da Paesi musulmani con questo nome.

Una cosa è certa: si tratta di un nome antico, che è stato “esportato” quasi ovunque nel corso dei secoli. Ci sono molti Joe negli Stati Uniti, e uno di loro sta cercando di governare il mondo proprio in questo periodo.

L’altra seconda cosa sicura riguarda solo me (ma suppongo che possa essere capitato anche ad altre persone): poiché è il nome del padre di Gesù, un vecchio sacerdote, durante la mia prima infanzia, era solito ripetermi “Giuseppe, il nome santo!”

Sinceramente, non percepisco alcuna santità (in quel momento, probabilmente pensavo che fosse solo il nome di mio nonno), ma piuttosto un senso di frustrazione pensando al mio “povero antenato”. Discuto ancora sull’ingiustizia dei Vangeli nei suoi confronti.

Pensate a questo giovane uomo che si fidanza con una donna (Maria) e scopre che non potrà mai essere un padre naturale. D’altra parte, deve prendersi cura di Gesù, che spesso era irrispettoso.

Nei Vangeli viene raccontato un famoso episodio in cui i suoi genitori lo persero a Gerusalemme e, dopo tre giorni, quando lo ritrovarono, Gesù rispose che doveva occuparsi degli affari di suo Padre (Dio)! Come dire: “Sei solo uno stagista; l’azienda può sostituirti in un batter d’occhio!”

Tuttavia, fino ad oggi, anche considerando alcuni episodi bizzarri, la situazione potrebbe apparire strana ma è sempre verosimile. Lavora duramente e riceve il “santo ordine” (tramite un angelo) di muoversi rapidamente in Egitto, perché la vita di Gesù è in pericolo.

Obbedisce sempre con pazienza. Ma ora c’è un problema: queste sono le uniche informazioni disponibili che i Vangeli forniscono.

Poi, i quattro libri continuano a raccontare la storia della vita pubblica di Gesù e solo Maria viene menzionata di nuovo. Non una parola per questo povero uomo! Possiamo dedurre che sia morto, ma come mai lo stesso Gesù non ha detto nulla?

Potrebbe ricordare il suo padre putativo, benedirlo e ringraziarlo per quello che ho fatto. Invece, a Matteo, Marco, Luca e Giovanni non interessa. Avrebbero potuto anche indagare un po’ di più. È anche una questione di curiosità!

Al giorno d’oggi, un giornalista che racconta le vicissitudini di una storia non farebbe questo stupido errore. Almeno elgi può integrare in seguito, per esempio, quando qualcuno glielo chiede. Ma gli evangelisti non hanno certo questa possibilità e avrebbero potuto pensarci due volte prima di tralasciare questo dettaglio.

Ma cosa possiamo fare con i Vangeli? Niente. E quelli che partecipano alla Messa devono ascoltare anno dopo anno un sermone (noioso) in cui il sacerdote spiega perché Maria non ha tradito Giuseppe.

Ok, non l’ha fatto. Ok, il 19 marzo il mondo cristiano celebra San Giuseppe. Ma questo non è sufficiente per me! Meritava molta più attenzione!

Per concludere, in Italia, il mio nome è familiare, così familiare, e condiviso per essere santo, o forse è il contrario. Tuttavia, dubito che il grande compositore Verdi o il meno significativo (a mio modesto parere) Garibaldi siano stati chiamati “Giuseppe” per una presunta santità.

La santità sarà probabilmente un’aggiunta riservata a me, e dopo 45 anni, non ho ancora interesse a sfruttarla! Sono aperto a consigli o proposte di affitto!


 

Condividi questa pagina: