Elogio della Nebbia

bare tree between roadUn volto mi osserva: è immobile, ma i suoi occhi tremolano come fiammelle corteggiate dal vento. Ogni colore è silenzioso, si spegne, s’addormenta, e l’aria fonde i contorni, crea l’unità, abbatte il sentiero che si biforca.

E’ la nebbia l’essenza che cerco quando sprofondo nei pensieri. Non la luce, non il sole, ma solo tenui bagliori confusi che si urtano l’un l’altro nella guerra della realtà. Quale porta migliore per la percezione del profondo? Anche un ruscello si ferma, ondeggia su e giù; a tratti pare perfino risalire il monte, mentre goccioline stanche si adagiano sulle foglie più basse.

Non datemi la luce, non la voglio. Concedetemi la nebbia, con le sue movenze da cortigiana, con il suo silenzio che avvolge, con il suo canto che inebria come vino e si dissolve, affinché mani troppo mordaci non possano mai cingerne gli eterei fianchi.

Un volto mi osserva: è immobile, ma i suoi occhi brillano, come argentei rami d’inverno screziati da iridescenti movenze di luce.


Depositata per la tutela legale presso Patamu: certificato


Photo by Annie Spratt


 

Condividi questa pagina:
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest

0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments
0
Mi piacerebbe sapere cosa pensi, perchè non commenti?x