Rispondendo a una domanda “nostalgica”!

Cosa ti fa sentire nostalgico?

una pila di vecchie foto e cartoline che si sovrappongono l'una con l'altra.Raramente provo nostalgia, ma a volte penso ad alcuni momenti specifici del passato e si dipana una catena di associazioni mentali.

Sono stato molto appassionato di informatica in un periodo in cui Internet non esisteva. Per questo motivo, tutto era così lento e spesso complicato. Se avevo bisogno di un libro tecnico (pubblicizzato in una rivista mensile), dovevo cercare un negozio di computer in una grande città, trovare il suo numero (manualmente), telefonargli e infine ordinarlo.

In qualche modo ho “nostalgia” della forza di quei momenti, perché i processi che li generavano sono stati estremamente impegnativi. E quando alla fine ottenevo ciò che desideravo, le mie sensazioni erano simili a quelle di una tempesta.

Tuttavia, sto rispondendo in questo modo solo ora (a decenni di distanza). E questo significa che sto ‘filtrando’ i miei ricordi attraverso un vetro colorato. In realò, non erano così belli, ma spesso anche piuttosto frustranti.

Penso che la nostalgia sia complicata perché la nostra mente la crea guardando sempre indietro, in una condizione di impossibilità. Ecco perché tutto appare così piacevole: semplicemente perché è correlata a una condizione che non può più ripetersi.

Anche se può “tornare” in un luogo particolare e fare le stesse cose, non saranno mai le stesse. E forse si cade in un altro circolo vizioso, pensando che le sue esperienze passate siano molto migliori.

Forse è più facile credere che ciò che si è nel momento presente è anche il prodotto del proprio passato, e il nostro dovere primario è quello di vivere il suo presente nel miglior modo possibile.

Capire che il passato è davvero “perfetto” è la chiave. L’aggettivo “perfetto” deriva dalla parola latina“perfectum“, che letteralmente significa “fatto”. Non si può affrontare qualcosa di perfetto in alcun modo, semplicemente perché quella cosa è come un albero morto.

Solo ciò che si ha tra le mani qui e ora è materia viva, imperfetta e suscettibile di essere modellata come si desidera. Per riassumere, direi che ciò che mi fa sentire nostalgico è spesso solo una proiezione mentale.

In quei momenti, mi rendo conto che devo affrettare il mio presente, perché passa in un batter d’occhio. Con una metafora musicale, è come una nota. Si può “osservarla” (ed essere anche nostalgici!) solo durante la pausa che la segue, quando è perfetta e finita.

Anche se è difficile, cerco di concentrarmi su ciò che posso gestire e, quando sento nostalgia, faccio del mio meglio per esplorare le possibilità che mi si presentano. Ne ho bisogno. Le voglio!


Foto di Jon Tyson


 

Share this post on:
FacebookTwitterPinterestEmail

Articoli correlati

  • György Ligeti è famoso per le sue sperimentazioni musicali, per una spiccata atonalità e per la sua ricerca di una musica "statica". A lui si deve anchel l'originalissimo poema sinfonico dei 100 metronomi. Per chi…

  • Lo ammetto: amo la pioggia, la tempesta, il cielo carico di vita, pronta ad erompere turbinando come lo squarcio d'un fulmine. E' meraviglioso restare al riparo e osservare quanto la natura sia possente, sinuosa come…

  • Questo articolo nasce da un dialogo con un mio caro amico psicologo che, sempre con grande acume e spirito critico, ha messo in evidenza alcuni aspetti fondamentali della moderna intelligenza artificiale confrontandoli con i cardini…

  • Versione stampabile PDF Valerio contemplava l’ondulazione monotona del mare. Lenta, disciplinata, mai arrogante, nemmeno nei giorni di tempesta, quando la forza rabbiosa si svegliava d’improvviso dal suo sonno. La sera prima aveva rivisto la sua…