Lei è qui

Donna distesa: l'uomo pensa 'Lei è qui, a pochi metri da me'

Lei è qui,
distesa a pochi metri da me.

Sembra assopita
ma ogni tanto apre gli occhi,
per fissarmi dal profondo del letto,
come un turista la Tour Eiffel.

Lei è qui,
a pochi metri da me.

E mentre la osservo immobile,
d’improvviso,
odo la sirena d’un vecchio battello.
L’odo salutare l’ultimo filo di spiaggia,
come un bambino un deltaplano nel cielo.

Riabbasso lo sguardo:
la poca bruma sfumata
è ora vago sentore
d’ombra striata e morente.

Lei già dorme.

E accanto al suo corpo,
una distesa di significati,
giace sepolta,
in un mare di onde ghiacciate.


Depositata per la tutela legale presso Patamu: certificato


Breve nota sui limiti filosofico-psicologici della comunicabilità

Il limite della comunicazione umana è stato a lungo argomento di interesse sia per filosofi che per psicologi. Vari pensatori nel corso della storia hanno offerto spunti sulle sfide e sui confini che esistono quando si cerca di trasmettere pensieri ed emozioni tra individui diversi.

Ad esempio, il filosofo Ludwig Wittgenstein (1889 – 1951) ha suggerito che il significato delle parole si basa sul loro uso all’interno di uno specifico gioco linguistico, rendendo difficile tradurre completamente le proprie esperienze interiori agli altri. L’esistenzialista Jean-Paul Sartre (1905 – 1980) credeva che la coscienza di ogni individuo fosse intrinsecamente isolata, il che porta a un’incapacità fondamentale di connettersi veramente con gli altri a un livello profondo.

Simbolo della comunicazione e dell'incomunicabilità
L’incomunicabilità non è un fattore legato alla distanza o vicininza fisica. Due individui possono parlare per ore della loro vita, senza mai riuscire a raggiungere il “cuore” delle questioni, che sfugge perfino all’intersoggettività. Ci si accontenta dell’illusione di una comprensione, ma nessun uomo potrà mai scalfire la corazza esistenziale del suo vicino, nemmeno se è quest’ultimo a volerlo ardentemente.

Lo psicologo Carl Rogers (1902 – 1987) ha sottolineato l’importanza dell’empatia e della considerazione positiva incondizionata nel colmare il divario tra le persone, suggerendo che la comprensione e l’accettazione autentiche possono migliorare la comunicazione nonostante i limiti intrinseci.

Nel complesso, le prospettive filosofiche e psicologiche sul limite della comunicabilità evidenziano la natura complessa dell’interazione umana e lo sforzo continuo richiesto per stabilire connessioni significative con gli altri.


Se ti piace la poesia, puoi sempre fare una donazione per supportare la mia attività. Basta un caffè!


Share this post on:
FacebookTwitterPinterestEmail

Subscribe to the weekly newsletter!

You will only be updated about new content. No spam, no adv!