Ringrazio

"Grazie" in varie lingue

Ringrazio gli alberi, perché d’estate, quando il sole è sprezzante e chiama a sé ogni sguardo, allargano le braccia e donano a me il silenzio e a lui un insaziabile groviglio si schiamazzi.

Ringrazio i sassi schiacciati da milioni di passi: mai mi hanno fatto pesare l’inutilità del mio camminare.

Ringrazio la notte, dolce signora dai capelli corvini: tra le sue braccia, bianche di candida passione, ha lasciato che i ricordi si spegnessero e che la stanchezza dimenticasse d’essere un atroce tormento.

Ringrazio le nuvole, che hanno attratto i miei sguardi tra le sinuose spire delle loro danze.

Ringrazio l’inutilità dell’apparire, denigrata, colpita a morte decine e decine di volte: il suo volere, inarrestabile, era benigno, come il canto della madre che mai porrà fine ai dolori del figlio.

Ringrazio la rabbia, perché mi ha fatto svegliare: non è forse Giuda il più santo tra i santi?

Non ringrazio il silenzio costruito pezzo dopo pezzo, pescando qua e là, nelle scatole dell’indifferenza e dell’ipocrisia.

Ringrazio chi ha applaudito dal fondo della sala: la prima fila, luogo di sacre figure, è stato per me solo un coacervo di voci indistinte, di graffi sui vetri, di volgare banalità. Di nulla.


Se ti piace la prosa poetica, puoi sempre fare una donazione per supportare la mia attività. Basta un caffè!


Condividi questa pagina: