Aggiornamento: nuova poesia “Come il contrappeso d’un metronomo”

uomo seduto su una panchina che legge il giornaleHo appena aggiunto una nuova poesia intitolata “Come il contrappeso d’un metronomo”, che ho composto qualche anno fa per dare alla mia percezione del tempo un aspetto lirico. Spero che vi piaccia e che aggiungerete i vostri commenti. Non vedo l’ora di leggerli e rispondere!

 

Come il contrappeso d’un metronomo

Un’inarrestabile cronostasi: scopri come l’atttimo si cela dietro un battito di metronomo e l’esistenza umana nel suo inarrestabile eterno presente.


Share this post on:
FacebookTwitterPinterestEmail

Articoli correlati

  • Ogni giorno barro una casella del calendario. Non per segnare un giorno trascorso o per lasciarmi cullare dalla malinconia del passato. Barro una casella per ogni certezza che man mano è venuta meno o, se…

  • Dove può ridurre il disordine nella sua vita? "If a cluttered desk is a sign of a cluttered mind, of what then is an empty desk a sign?" (A. Einstein)   Questa non è una…

  • Esiste un limite che separa la sperimentazione musicale dalla musica stessa? In altre parole, è possibile stabilire che quando gli esperimenti smettono di produrre musica per generare qualcos'altro? Per cercare di dare una risposta soddisfacente…