Elogio del dubbio

La statua di un uomo seduto a pensare, simbolo del dubbioOgni giorno barro una casella del calendario. Non per segnare un giorno trascorso o per lasciarmi cullare dalla malinconia del passato. Barro una casella per ogni certezza che man mano è venuta meno o, se si vuole porre la questione in positivo, per un nuovo dubbio che ha fatto ingresso nella mia vita.

Mi piace Rodin (1840 – 1917), lo ammetto. La sua Porta dell’Inferno è molto più paradisiaca di parecchi portoni ecclesiastici, ma più d’ogni altra cosa, mi lascio esaltare dalla piccola statuina del dubbio posta in cima ad essa.

Dubito ergo sum? Perchè no! Tra le forme di pensiero, il dubbio è certamente una delle più nobili. Affascinante come una donna che non indossa alcun orpello e che non concepisce neppure l’idea dello scandalo. Anche se, ovviamente, di scandalo si tratta!

La porta dell'inferno di RodinPensate ad una certezza, edificata come un bastione immenso e buttata giù da una carica di tritolo. “Che spreco!” potreste pensare. E già, lo sarebbe senz’altro se l’evoluzione interiore fosse il frutto di una somma algebrica, ma per fortuna la situazione è ben diversa. Drammaticamente diversa, scandalosamente diversa!

Quanti passi in avanti ho compiuto per poi accorgermi che erano solo l’avvisaglia di una stasi, se non addirittura di una regressione. E quanti salti nel vuoto, quanti tuffi negli abissi più impervi e inospitali e quanto dolore ho cercato con una dedizione quasi maniacale!

Masochismo? Chissà… Ma sinceramente, per il momento, non m’interessa appurarlo. Preferisco pensare che Newton abbia visto più lontano di quanto s’immagini e che, se ad un’azione corrisponde una reazione, anche la morte deve essere l’inizio di qualcosa. Ma la strada è lunga e se mi aggrappassi ad una qualsivoglia certezza, commetterei di certo un errore grossolano e mi contraddirei. Quindi, che venga il dubbio, luminoso e accecante! E se poi, si dovrà attraversare anche la Porta dell’Inferno, ebbene, forse sarò pronto. Altrimenti, anche le fiamme potranno attendere!


 

Condividi questa pagina:

Articoli correlati

  • Un volto mi osserva: è immobile, ma i suoi occhi tremolano come fiammelle corteggiate dal vento. Ogni colore è silenzioso, si spegne, s'addormenta, e l'aria fonde i contorni, crea l'unità, abbatte il sentiero che si…

  • Lo ammetto: amo la pioggia, la tempesta, il cielo carico di vita, pronta ad erompere turbinando come lo squarcio d'un fulmine. E' meraviglioso restare al riparo e osservare quanto la natura sia possente, sinuosa come…

  • Qual è il regalo più grande che qualcuno possa farle? Il dono più grande non esiste. Una volta ricevuto, non ci sono più possibilità di desiderare, il che significa che siamo morti o, forse, in…