Guardo alla fede: vedo il silenzio di un circolo vizioso

Ogni tanto invidio la fede. Non quella del senso comune, né tantomeno la fiducia cieca in un’ideologia, ma piuttosto quel profondo (e irrazionale) senso di certezza che si prova quando si è assetati di fronte ad un bicchiere d’acqua. Invidio la consapevolezza “statistica” del soddisfacimento di un desiderio attraverso un oggetto intangibile ma, nel contempo, materializzato sin nelle sue più oscure fattezze.

Ma purtroppo, anche la fede ha le sue falle. Innanzi tutto quella di essere vista come un “dono” (volutamente tra virgolette). Un dono da parte di chi? Ahimè, dello stesso oggetto che poi la fede dovrebbe svelare. Il circolo vizioso è palese e, purtroppo, anche letale. La quadratura del cerchio fallisce e allora, per evitare una brutta figura, si cambia il nome agli elementi e si rende il generato generatore.

La fede: un'eco che risuona nella solitudine
La fede: un’eco che risuona nella solitudine

Giorno dopo giorno realizzo quanto l’uomo abbia annegato il suo scorcio d’infinito nella quotidianità, ma con la stessa pregnanza, scopro che tra tutte le soluzioni parziali (e umane), l’unica presa a modello di perfezione è la meno perfettibile, la più inadeguata alla realtà esistenziale della vita umana.

Si può sperare dunque il dono della fede? Forse sì. Come si potrebbe pensare che una psicosi possa annebbiare il senso di realtà per dar vita ad un mondo frammentato ma anche deregolamentato. Ma per chi è solo vittima di nevrosi, per chi osserva gli alberi senza essere, a sua volta, da essi osservato; per chi pensa che l’amore, l’odio, l’amicizia, i “valori” siano quel sale che rende gradevole al palato la vita, può quest’illusione davvero illuminare?

Io credo che il dubbio sia decisamente più “umano” di qualsivoglia certezza e, con mio grande dispiacere, ho da molto tempo abolito l’ontologia dell’essere supremo, a meno di non lodare la sterminata fantasia dell’uomo nel disegnarlo e renderlo suo dio. Ahimè, la mia soddisfazione è scarsa e le stelle continuano, mute, ad essere soltanto osservate.


Se ti piace l’articolo, puoi sempre fare una donazione per supportare la mia attività. Basta un caffè!


Condividi questa pagina:

Articoli correlati

  • Parli. Nonostante tutto, quelle labbra vibrano come il  batter d’ali di un moscerino. Parli. Quando il sole urla o quando la pioggia sussurra lamentosa la sua cantilena, tu parli. Nelle crepe del muro, nella chiocciola…

  • Desidero continuare la disanima della musica d'avanguardia e sperimentale, analizzando alcune delle sue più iconiche composizioni. In questo caso, si tratta del celebre (famoso e, in un certo senso, anche "famigerato", considerando certa critica) brano…

  • Scorgo ancora tracce dorate nel deserto dove la polvere è muta. L'infinita carovana dell'alba, come un impalpabile scialle di seta, sfila lungo il sentiero; non mi guarda, né pronuncia il mio nome, eppure conosco ogni singolo…