Aggiornamento: nuova poesia: “Australia”

Mappa dell'AustraliaHo da poco aggiunto una nuova poesia composta circa dodici anni fa presso il Pão de Açúcar a Rio de Janeiro. Il titolo è “Australia”, il che potrebbe sembrare un po’ strano, ma quel luogo tanto distante, in un contesto molto travagliato di noia esistenziale e introspezione, mi ha ispirato questi versi. Spero che la poesia sia di vostro gradimento e non vedo l’ora di leggere e rispondere ai vostri commenti!

Australia

Esplora questa poesia sulla distanza esistenziale nei rapporti più profondi. Ammira le tracce che appaiono e subito scompaiono nel silenzio dei sensi.


La noia esistenziale, un enigma della condizione umana, può essere descritta come un profondo senso di vuoto e insoddisfazione per il significato e lo scopo della vita. Questo stato di noia non è facilmente alleviato dalle relazioni umane, poiché spesso non riescono ad affrontare le domande esistenziali più profonde che affliggono gli individui.

In un mondo pieno di connessioni sociali e comunicazione costante, si potrebbe presumere che le relazioni umane possano portare conforto a coloro che sono alle prese con la noia esistenziale. Tuttavia, la realtà è abbastanza diversa. Sebbene le relazioni possano fornire distrazioni temporanee e fugaci momenti di felicità, raramente offrono una realizzazione a lungo termine.

La ragione di questa disconnessione risiede nella natura intrinseca della noia esistenziale. Deriva da un desiderio più profondo di uno scopo e di un significato nella vita. Le relazioni umane, sebbene preziose e importanti per il nostro benessere emotivo, non possiedono intrinsecamente la capacità di soddisfare questo desiderio esistenziale. Sono limitati dalle loro stesse imperfezioni e dalla natura finita delle interazioni umane.

La noia esistenziale è una compagna che non tradisce mai
La noia esistenziale è una compagna che non tradisce mai

La noia esistenziale richiede un’esplorazione più profonda delle domande fondamentali della vita. Richiede introspezione, scoperta di sé e ricerca di significato personale. Sebbene le relazioni possano svolgere un ruolo di supporto in questo viaggio, non possono essere la soluzione definitiva.

Per affrontare veramente la noia esistenziale, gli individui devono impegnarsi in attività che favoriscano la crescita personale e l’autoriflessione. Dovrebbero cercare fonti di appagamento non convenzionali come perseguire passioni, impegnarsi in sforzi creativi o intraprendere ricerche spirituali. Scavando nelle profondità della propria esistenza, gli individui possono iniziare a svelare le complessità della noia e trovare uno scopo più profondo.

In conclusione, sebbene le relazioni umane svolgano indubbiamente un ruolo cruciale nelle nostre vite, da sole non possono alleviare la morsa implacabile della noia esistenziale. Questa condizione sfuggente richiede un’esplorazione più profonda della propria esistenza e l’impegno a trovare un significato a livello personale. Solo attraverso la scoperta di sé e il perseguimento di uno scopo gli individui possono sperare di trascendere i confini della noia esistenziale e trovare un profondo senso di appagamento.


 

Share this post on:
FacebookTwitterPinterestEmail

Articoli correlati

  • Ogni giorno barro una casella del calendario. Non per segnare un giorno trascorso o per lasciarmi cullare dalla malinconia del passato. Barro una casella per ogni certezza che man mano è venuta meno o, se…

  • Con quest'articolo, desidero iniziare una discussione ragionata sul rapport esistente tra musica e poesia, ponendomi tutti gli interrogati del caso e cercando di procedere con un approccio logico e supportato da teorie universalmente riconosciute. Il…

  • Parlare degnamente di Eugenio Montale (1896 - 1981) richiederebbe certamente molto più spazio di quello concesso da un semplice articolo, tuttavia, pur non aspirando a condurre un'analisi critica esaustiva, desidero analizzare solo alcuni aspetti della…