Lo scrivi ma poi mi lasci sola…

Essere soli da un punto di vista esistenziale

“Lo scrivi ma poi mi lasci sola…”,
“Bel modo di dimostrarlo!”

Il mio paradiso non è tra alberi o montagne,
né tra laghi o falsi testamenti d’eterna fedeltà.

Il mio paradiso è in fondo al mare,
sepolto,
stanco,
incendiato d’amarezza.

Il mio paradiso non si vergogna,
ormai,
d’esser figlio dell’inferno.

Oltre le siepi macchiate d’orizzonte,
l’azzurro è verde,
e il verde, gaudente come un bimbo,
si getta oltre l’azzurro
per essere sempre e solo uno.

Il mio paradiso piange,
qui,
(giammai stanco di ricordarlo),
accanto a me,
in piedi,
sul ciglio corrugato
d’una notte
inesplicabilmente lunga.


Depositata per la tutela legale presso Patamu: certificato


Breve nota sulla noia esistenziale

La noia esistenziale è un profondo senso di vuoto e disconnessione che nasce dalla mancanza di significato o scopo nella propria vita. È un profondo sentimento di noia e apatia nei confronti dell’esistenza, che spesso porta gli individui a mettere in discussione il significato delle loro azioni e del mondo che li circonda. Il filosofo francese Jean-Paul Sartre ha esplorato il concetto di noia esistenziale nelle sue opere, in particolare in “L’Essere e il Nulla“. Sartre credeva che la noia fosse un aspetto fondamentale della coscienza umana, derivante dal nostro innato desiderio di significato e scopo in un mondo apparentemente indifferente.

L'essere e il nulla di Jean-Paul Sartre
Ne “L’essere e il nulla“, Jean-Paul Sartre analizza anche il concetto di noia esistenziale e la necessità di ogni essere umano di integrarla nella propria vita per non divenire “vittime” della sua forza.

Da un punto di vista psicologico, la noia esistenziale può portare a sentimenti di ansia, disperazione e alienazione. Può spingere gli individui a confrontarsi con il vuoto esistenziale e l’intrinseca mancanza di significato della vita, costringendoli a cimentarsi con le questioni fondamentali dell’esistenza. Abbracciando questa noia, Sartre sosteneva che gli individui potevano trovare una forma di libertà, poiché rivelava la necessità di creare il proprio significato e i propri valori in un mondo privo di significato intrinseco.


Se ti piace la poesia, puoi sempre fare una donazione per supportare la mia attività. Basta un caffè!


Share this post on:
FacebookTwitterPinterestEmail

Subscribe to the weekly newsletter!

You will only be updated about new content. No spam, no adv!