Categoria: Poesia

Aggiornamento: nuova poesia “Folla”

Ho appena aggiunto una nuova poesia intitolata “Folla”, il cui tema ispiratore nasce dall’osservazione della quotidianità di una massa indistinta di individui che, in preda a un’alienazione ormai assimilata, vivono le loro vite seguendo un copione che non è mai stato letto e compreso. Link alla poesia “Folla” Nota sull’alienazione e sulla mercificazione dell’arte L’alienazione […]

Condividi questa pagina:

Quando la musica corteggia la poesia: i (non) promessi sposi

Esiste un rapporto tra musica e poesia? Certamente questa è una domanda un po’ faziosa ed è possibile rispondere in molti modi diversi. In linea di principio tutte le forme artistiche possono essere messe in relazione tra di loro, ma non è questo ciò che vorrei discutere. La mia domanda sottintende una condizione ampiamente verificata […]

Condividi questa pagina:

Liszt e il progressismo romantico caduto nel vano

Non c’è che dire, i compositori romantici non smettono mai di stupirci con la loro modernità. Altro che persistenza immutabile della musica composta prima di un certo periodo storico (idea fissa di molti musicofili e direttori d’orchestra odierni), Franz Liszt (1811 – 1886), ad esempio, oltre che i voti religiosi aveva anche abbracciato un progressismo […]

Condividi questa pagina:

Aggiornamento: nuova poesia “Voglio sognare la realtà che dorme”

Ho appena aggiunto una nuova poesia intitolata “Voglio sognare la realtà che dorme”, il cui filo conduttore è un profondo desiderio di superare la rigidità delle sovrastrutture imposte dall’uomo nella sua ricerca di una “regola suprema”. Essa è l’espressione rapsodica di un urlo di disperazione: la realtà non deve piegarsi a volontà auto-imposte; l’uomo può […]

Condividi questa pagina:

Il crepuscolo degli dei: perchè la musica pop è così dannatamente banale

Ritorno al futuro parte I Immaginate di fare un viaggio indietro nel tempo, di 200 anni, per la precisione e di trasferirvi a Berlino. Con un po’ di pazienza, supponete di entrare senza farvi vedere nello studio di Felix Mendelssohn (1809 – 1847), il cui eclettismo spaziava dalla composizione di musica, alla direzione d’orchestra, alla […]

Condividi questa pagina:

Aggiornamento: nuova prosa poetica: “Bacco, Tabacco e Venere: nei secoli fedele”

Ho appena aggiunto una nuova prosa poetica intitolata “Bacco, Tabacco e Venere: nei secoli fedele”. E’ un inno al piacere, alla vita e a difesa di tutte quelle attività che il moralismo più becero tende a stigmatizzare e relegare nella “cantina dei vizi”. Bacco, Tabacco e Venere: nei secoli fedele Entra nell’universo della stravaganza e […]

Condividi questa pagina:

Aggiornamento: nuova prosa poetica “Un orologio ticchetta”

Ho appena aggiunto una nuova prosa poetica intitolata “Un orologio ticchetta”. E’ una sorta di elegia legata all’osservazione interiore del movimento periodico di un orologio meccanico. Assieme agli ingranaggi, anche svariati elementi naturali mostrano il loro periodico oscillare tra due poli che, pur essendo in contrapposizione, finiscono per fondersi in un’unità che trascende le sue […]

Condividi questa pagina:

La punteggiatura poetica: la musica e l’ermetismo di Ungaretti

“E’ il mio cuore                                  il paese più straziato.” (G. Ungaretti) Perché è così inimmaginabile una musica priva di indicazioni temporali (dichiarazione del tempo, durata delle note, pause, etc.)? Anche le avanguardie e le sperimentazioni più bizzarre hanno sempre (e giustamente, direi) fatto uso di tutte quelle informazioni necessarie per determinare il ritmo, la dinamica e, […]

Condividi questa pagina:

La parola squadrante di Montale

Un animo informe, privo di regolarità, incapace di adattarsi ai rigidi confini che la quadratura impone è ciò che Eugenio Montale (1896 – 1981), nell’incipit della sua celeberrima raccolta “Ossi di seppia”, considera coma la sua più intima e inalterabile essenza. Non chiederci la parola che squadri da ogni lato l’animo nostro informe, e a […]

Condividi questa pagina:

Aggiornamento: nuova poesia: “Australia”

Ho da poco aggiunto una nuova poesia composta circa dodici anni fa presso il Pão de Açúcar a Rio de Janeiro. Il titolo è “Australia”, il che potrebbe sembrare un po’ strano, ma quel luogo tanto distante, in un contesto molto travagliato di noia esistenziale e introspezione, mi ha ispirato questi versi. Spero che la […]

Condividi questa pagina: